Un B&B a Gaeta tra i progetti Esagono

Pubblicato il 9 giugno, 2017 alle 8:59

 

Oggi, grazie a uno dei nostri progetti, vi portiamo a Gaeta con l’architetto Giuseppe Albanese che ci racconta del B&B Altavilla.

Quali sono le caratteristiche del progetto del B&B Altavilla?

Il B&B è all’interno di un edificio frutto di un recupero architettonico e completamente ristrutturato, composto di 3 piani terrazzati. La struttura si trova al primo livello. Come si può notare dal panorama delle camere, si trova nella zona medioevale di Gaeta.

Qual è il concept del progetto architettonico?

La location ha influito molto sulla costruzione del progetto. Prendendo spunto dall’architettura medioevale, mi sono ispirato all’architettura di spoglio. Tecnicamente venivano smantellati vecchi edifici e alcune parti riutilizzate in altri progetti. Gli arredi e la scelta dei materiali girano su questa ispirazione. Ogni arredo è stato creato su misura e al legno naturale, come il rovere, sono stati aggiunti elementi diversi anche di altri materiali. Elementi in ferro si innestano nel legno, per evidenziare la commistione di materiali.

Come sono stati scelti i rivestimenti?

Con i rivestimenti ho voluto valorizzare l’atmosfera di un luogo di vacanza con toni neutri e caldi. Il pavimento, che fa parte della collezione Ono di Mutina, rimanda a una pietra levigata. Nei bagni abbiamo, invece, costruito tutto il design sui decori Mutina della collezione Azulej di Patricia Urquiola. All’interno della struttura ci sono cinque bagni, ognuno diverso dall’altro, dove l’elemento decorativo è valorizzato da rivestimenti monocromatici.

Quanto le luci hanno influenzato il design?

Per alcune pareti ho scelto un rivestimento Porcellanosa che simula l’effetto sabbia. In questi ambienti ho giocato con l’effetto wall-washer grazie alle luci radenti che enfatizzano l’effetto rugoso della parete.

 

 

 

 

 

ARCHITETTO: GIUSEPPE ALBANESE

PARTNER TECNICO: CENTRO VENDITE ESAGONO

FOTO: MARIO FERRARA